venerdì 8 agosto 2008

05 - IL COVO DEI BLACKRABBIT

Il covo dei BlackRabbit si trova in un'incantevole insenatura a ridosso di una ripida scogliera: sicuramente è più semplice da raggiungere via mare che via terra...
I nostri eroi si aiutano con le corde per scendere le pareti rocciose, mentre il sole pomeridiano cala ad occidente per lasciar posto alle prime brillanti stelle della sera.
Una barca arenata ed i rifiuti ai piedi delle rocce sono inequivocabile indizio dell'attività umana, e conducono ad una grotta, probabile rifugio dei pirati.
Grazie a Juan gli avventurieri superano facilmente le trappole ed eliminano una sentinella addormentata, ma arrivati vicino alla sala principale, un passo falso di Gimble fa sì che il gruppo venga notato. Gilead, Gimble e Rune vengono catturati.
Il covo dei BlackRabbit spiega da sè il perchè di un nome tanto particolare: la luce artificiale illumina un gruppo di sbandati che ha tappezzato le pareti di gabbie piene di conigli neri, che fungono da animali da compagnia nonchè da cena. Reti da pesca penzolano qua e là al di sopra delle gabbie, come a fare da ornamento insieme alle bandiere con il teschio di coniglio.
Jaggar, il capo della banda, riesce a carpire da Gimble il perchè della loro intrusione, ed ammette di sapere dov'è Bleena, ma rimprovera anche che non è educato entrare a casa degli altri e mettersi a fare domande... se vogliono le informazioni le possibilità sono due: combattere, o fare qualcosa per i pirati...
Jaggar racconta che recentemente un loro compagno è stato morso da una "strano animale", e da quel momento è diventato molto aggressivo, costringendoli a rinchiuderlo in un'altra sala. Il pirata propone ai tre prigionieri uno scambio: se loro risolvono il problema del compagno aggressivo, egli darà loro le informazioni che chiedono.
Gimble, Gilead e Rune si vedono costretti ad accettare, e vengono rinchiusi nell'altra sala.
Nel silenzio e l'oscurità, i tre realizzano troppo tardi cosa li aspetta in realtà...

15 commenti:

Kalu ha detto...

WELLA un coniglio sulla ROGER FLAG...arrrrrrrrrrh adoro i pirati.

Hey ma quell'uomo è anonimo oh mio dio come lo individueremo...beh provate a chiedere a Paladin ;)

Ale ha detto...

benvenuto Kalu
eheh... figo il coniglio vero?! miracoli del paintshop pro

ferdi ha detto...

ahi il master comincia a tirarsela

Ale ha detto...

il master PUO' tirarsela, per diritto divino! E poi questo blog serve proprio a farmi diventare famoso!

Ale ha detto...

tra un po' farò anche le comparsate a buona domenica con quelli del grande fratello! yahuuu!

Dedowar ha detto...

Oddio, Ale, non può fare questo! NON TU! Ti prego! Va bene che ultimamente sei diventato una cifra trendy, ma buona domenica, no, dai...

Ale ha detto...

perchè no? ci pensi: un master a buona domenica...potessi scaricarci sopra 'na tempesta di meteore...

Darioi ha detto...

E' inutile che fai il figo, lo sanno tutti che ci andresti solo per vedere i tronisti

Ale ha detto...

mi stai forse dando dell'omosessuale???

Dario ha detto...

velatamente....

ma non preoccuparti, ormai vi siete perfettamente integrati

Dedowar ha detto...

uhaaahahahahahah... non commento ulteriormente solo perché rischierei di morire alla prossima partita!!!!... e di dover fare come nuovo personaggio il paladino dell'ordine dell'onore...

Ale ha detto...

la morte è un'eventualità sempre molto vicina ad ogni giocatore, soprattutto a quelli che ridono sguaiatamente sul mio blog!
Inoltre la morte va praticamente a braccetto ai paladini dell'ordine dell'onore, che spesso muoiono nella sessione stessa in cui vengono creati!!!

Dario ha detto...

o addirittura durante il lancio dei dadi per le caratteristiche...

Ale ha detto...

vero, vero... l'unico fattore ritardante la morte è la stampa dell'immagine del personaggio. In genere muore appena dopo che il buon Dedo ha stampato una delle sue "copertine per la scheda" in formato A3 in millemila colori.

Dedowar ha detto...

ok, ok, farò il cavaliere psionico...
E stamperò le mappe in numero proporzionale al numero di sedute per le quali il mio personaggio sopravvive...