martedì 28 luglio 2015

465 - PERCHE' NON SI RIPETA

Isabel e Juan arrivano trafelati.
"Correte! Mettetevi in salvo! Nello specchio!" li esorta Gimble.
Hearst e Bovak si ergono all'entrata della sala falciando senza troppi complimenti il primo dei due uomini con le insegne di Bakaresh che sopraggiungono.
"Dove conduce?" chiede Isabel.
"Non importa ora, non c'è più tempo! Andate! Bovak vai con loro, potrebbero aver bisogno di protezione!"
Hearst copre la ritirata del compagno impegnando l'avversario in un rapido scambio di fendenti e parate.
La chierica guida Juan attraverso il portale, seguita dal druido e da Batuffolo.
Con un grugnito Hearst taglia praticamente in due il suo avversario, spargendone le interiora a terra, proprio mentre la massiccia sagoma di Rakoud fa capolino in fondo al cunicolo rosso, in testa ad un nutrito drappello di soldati.
"Stanno arrivando..." ringhia Hearst soppesando l'elsa dello spadone, pronto a farne nuovamente buon uso.
"Non c'è più tempo, dobbiamo fuggire, presto tutto crollerà!" esorta Rune. Hearst indietreggia seguito dai compagni. Quando sono vicino al portale, Gimble si ferma e torna sui suoi passi.
"Che diavolo...!?" esclama Hearst.
Rune gli appoggia una mano alla spalla, impedendogli di seguirlo. Il monaco ha capito.
"Se solo uno tra Zaran e Rakoud dovesse sopravvivere, tutto ciò potrà ripetersi" afferma Gimble. La sua voce è calma e decisa mentre sfila il proprio pugnale dal fodero e si china sul negromante privo di sensi volgendo loro le spalle.
"Ma così morirai! Vieni con noi! Troveremo... un modo..." un nodo in gola strozza la voce di Hearst. Ormai Rakoud è solo a pochi passi. Si rivolge al compagno che lo trattiene cercando supporto "Rune..."
Il monaco non riesce a trattenere le lacrime. Delicatamente afferra il braccio del guerriero e lo  trascina nello specchio.
Gimble guarda indietro, con il volto di profilo e quel suo tipico sorrisetto a metà: "Andrà tutto bene, avete fatto molto più di ciò per cui vi avevo pagato..."
"Addio, amici miei" sussurra mentre il nero inghiotte i suoi compagni lasciandolo solo.
Gimble solleva il pugnale e lo pianta con forza nel cuore di Zaran. Nella sua mente scorrono molti pensieri mentre il negromante esala i suoi ultimi aliti di vita e lo specchio vetrifica, lucido ed impenetrabile.

13 commenti:

Mr. Mist ha detto...

Nooooo! Cacchio no! Atto eroico di Gimble che si sacrifica per tutti, eppure come ragionamento quadra, anche se io pensavo che volessero portarsi il negromante appresso per ultimo e magari ammazzarlo dopo essere passati tutti! Ormai è da: "La fine delle illusioni" però che il personaggio di Gimble ponderavano una cosa del genere credo, forse così spera di ricongiungersi a Blena. Spero che questo non sia la fine di Gimble, davvero! :_(

Ale ha detto...

Nella concitazione del momento non c'era la lucidità e il tempo per trascinarsi dietro il negromante, con gli scagnozzi di Rakoud alle calcagna e quasti che sopraggiungeva a grandi passi. Inoltre in termini di gioco non sapevano quanto tempo sarebbe durato l'effetto del pugno stordente, e il rischio che Zaran si riprendesse era plausibile. Da qui ecco la decisione di Gimble, giocata magistralmente dopo gli ultimi sviluppi.
Sul fatto che sia effettivamente la fine per Gimble, non voglio dire nulla, rimando ai prossimi post.

Andrea Martin ha detto...

Gimble mi stupisce sempre!

Ok, ora attendo con impazienza il prossimo post! :D

Ale ha detto...

Prossimo e... ultimo post (ad eccezione dell'epilogo)!

jamila ha detto...

Cucù!!
Ciao, tutto bene? Mamma mia quanti post devo recuperare!!! :-) Cercherò di rimettermi a pari a breve (non ho letto questo per non spoilerarmi da sola!) e sono molto contenta di poter leggere gli sviluppi della storia.
A presto.
J.

jamila ha detto...

ok, sono all'ottavo interludio... Ce la posso fare!

Ale ha detto...

Ohibò, un ritorno inatteso! Quanto tempo! Arrivi giust'appunto per il finale!
Ma soprattutto spero di riuscire a leggere prima o poi il finale della *tua* storia dopo questa lunga pausa del tuo blog! ;) Dai J, dacci la speranza di leggere qualcosa sotto l'ombrellone!

Per il resto come va? Tutto bene?

Nicholas ha detto...

Ultimo?!?
Unfair!

E da quanto ho capito non state nemmeno giocando una nuova campagna...
Quindi dovrò seguire solo più one shot? :(

Ale ha detto...

Eh sì... ultimo... un po' mi dispiace in effetti. Però devo anche ammettere a me stesso prima di tutti che non ho più a) il tempo b) la costanza di una volta per tenere in piedi un blog come questo. E poi come sottolinei non ho più materiale per alimentarlo.
A dir la verità una campagna a Dungeon World c'è, ma è giocata troppo saltuariamente da gente troppo stanca per dare un risultato che mi spinga a trasferirla in una versione romanzata. Ne ho anche una alle spalle, già conclusa, ma allo stesso modo non ha l'intensità di quella proposta su questo blog. Forse la narrerò, forse no, non ho ancora deciso.
Per cui probabilmente sì, leggerete molte più one-shot, che in questo periodo mi stanno dando soddisfazioni con storie molto intense seppur con archi narrativi molto più brevi.

Nicholas ha detto...

Bhe, mi pare giusto.
Cercherò anche io di apportare contributi con qualche one-shot.
Ne abbiamo giocata una che è poco tra l'altro.

Ale ha detto...

Il tuo contributo è sempre benvenuto! :)

jamila ha detto...

@ALe: MA sì, bene grazie. Problemi di tempo e di gestione della vita reale. E il vecchio pc che si è temporaneamente fagocitato tutto il materiale della Campagna sud. X( Ora dovrei poter recuperare il tutto... non che ci sia tutto quello che serve per terminare il racconto, in realtà... vedremo.

Ale ha detto...

@J: non parlarmi di tempo e gestione vita reale... ne so qualcosa. Però J se recuperi il materiale non mollare! Non puoi lasciarci con una storia a metà, anche se è passato tanto tempo!